Max Damioli: da leggere tutto d’un fiato… senza dimenticarsi di respirare

Ti trovi in:/, News/Max Damioli: da leggere tutto d’un fiato… senza dimenticarsi di respirare

Max Damioli: da leggere tutto d’un fiato… senza dimenticarsi di respirare

2021-05-31T17:01:19+02:00

Se ci manca, è perché stiamo vivendo la meraviglia, se è affannato probabilmente siamo nervosi o preoccupati…dicono sia facile come respirare, ma è veramente una cosa semplice il respiro, conosciamo effettivamente il nostro respiro e quanto è importante respirare bene?

Ne abbiamo parlato con Max Damioli, il nostro trainer in performance e respiro, intervistato da Sara Serafini, durante il secondo appuntamento di Radio Evolution Forum. 

Sara – “Max come sei arrivato a fare il trainer?” 

Max – “Bella domanda Sara, ti direi …piuttosto che lavorare! Venivo da 15 anni di regia e ad un certo punto ho avuto una Benatia, quella che voi normalmente chiamate malattia. Questa Benatia mi ha spinto a guarirmi in modo alternativo. Siccome ho avuto dei risultati straordinari ho deciso di capire di più. Capire come fosse possibile che, roba di 5000 anni fa, perché mi ha curato la medicina tradizionale cinese, potesse fare di più dell’allopatia, della chirurgia, dell’ortopedia, della neurologia, che io non nego, anche se c’è stato un periodo in cui le negavo all’inizio, ma adesso no, sono diventato grande, maturo, non la nego più, però a suo tempo sono stato sorpreso, quindi ho deciso di andare nella direzione della medicina alternativa. Incontrando poi persone le più disparate, le più varie, ho pensato che non ci sarebbe stato niente di più bello che portare la buona novella in giro. Non so se ho risposto, a penso sia andata proprio così”. 

Sara – “Perché hai scelto di insegnare il respiro e non altro?” 

Max – “ Avevo, perché in verità ho fatto un falò! Avevo 25 diversi certificati di insegnante di qualcosa lo sci, la vela, la medicina tradizionale cinese, lo shiatsu, perché quando mi intriga qualcosa, quando mi piace qualcosa, voglio approfondirla fino a diventarne insegnante. Penso che il modo migliore per imparare qualcosa sia insegnarlo. Lo diceva Gibran: Si insegna per imparare meglio. Ne ho viste di tutti i colori, ne ho provate di tutti i colori, e un certo giorno sulla via di Damasco, sono stato fulminato dal Respiro. Il respiro è in assoluto fondamentale. Senza ombra di dubbio, se ci fossero le olimpiadi dello sviluppo personale, per certo il respiro vincerebbe la medaglia d’oro regolarmente. E quando l’ho incontrato ho detto, ma questo non è superabile, non è avvicinabile, non c’è nessuna tecnica così efficace, così efficiente, così autonoma. Per questo ho deciso poi di insegnare il Respiro. Naturalmente il respiro adesso è all’interno di un ombrello, sotto l’ombrello un pochino più grande che è la performance, perché la performance è molto ricercata. Il respiro è uno dei tre grandi pilastri della performance”. 

Sara – “Hai scritto proprio un libro intitolato IL LIBRO DEL RESPIRO. Potresti illustrarci in poche battute perché è importante respirare meglio?” 

Max – “Dunque quel libro è stato scritto in tre notti, da mezzanotte alle sei. Tre notti di fila, febbrili, in cui le dita calcavano la tastiera e non riuscivo a smettere di scrivere. Così in tre notti l’ho finito. Poi ci ho messo tre anni a pubblicarlo, dal 2003 al 2006 l’ho corretto, girato brigato, poi c’è stata la prima pubblicazione. L’anno scorso ho fatto una seconda edizione, dove ho acquisito e integrato tutte le ricerche scientifiche, perché pochissimi hanno fatto ricerche su respiro, perché il respiro non da fatturato, è gratis. È anche per questo motivo che si è più propensi a parlare di cibo, di bere, di dormire, il memory, l’acqua che fa bene alle ossa, le diete. Però il respiro è una droga libera, gratuita, legale, senza effetti collaterali. In realtà ho scritto il libro, perché c’erano persone che andavano in giro per il mondo dicendo Max Damioli ha detto che, ma dicevano esattamente il contrario di quello che affermavo io. Allora decido di fare una bella cosa, scrivo quello di cui sono sicuro, e da oggi in poi nessuno può dire Damioli dice che, perché è tutto scritto nel libro. Tutto quello che so l’ho messo li”. 

Mentre noi ringraziamo Max Damioli per la sua testimonianza, voi prendete fiato e ascoltate l’intervista integrale sul nostro canale Telegram [NOTA 2] … e se ancora non lo conoscete, ve lo presentiamo https://www.evolutionforum.sm/max-damioli 

Continuate a seguirci, a presto da tutto lo staff di Radio Evolution.