Gli ultimi 3 motivi dei preconcetti sul Network Marketing.

Ti trovi in:/, Networker Vincente Academy, News/Gli ultimi 3 motivi dei preconcetti sul Network Marketing.

Gli ultimi 3 motivi dei preconcetti sul Network Marketing.

2020-10-12T16:52:33+02:00

Con questo articolo concludo la carrellata di motivi per i quali il Network Marketing e i networker sono ancora visti con il fumo negli occhi.

 

– Il quinto motivo riprende il discorso che facevo nell’articolo precedente, ovvero la confusione tra gli aggettivi “Semplice e Facile”.
Il Network è un’attività ‘semplice’ poiché prevede una lunga serie di vantaggi e agevolazioni rispetto a un’attività imprenditoriale tradizionale, ma sfido chiunque a dimostrare che sia ‘facile’!
Si tratta, appunto, di fare impresa e per definizione non può essere facile: non ci sono investimenti in capitali ma occorre investire tempo, competenze, dedizione, impegno. Significa mettercela tutta per raggiungere un obiettivo e, magari, vederselo sfuggire per un soffio; significa coinvolgere e credere in alcune persone, e poi magari vederle sparire… è una bella scuola di resilienza!
Lo ribadisco un’ultima volta: il Network è semplice. È semplice nel modello d’impresa, è un’attività semplificata fiscalmente, semplificata nell’organizzazione delle risorse, semplificata nelle responsabilità, esiste questa idea bellissima della “ditta nella ditta”, ovvero la possibilità di dedicarti alla tua attività autonoma senza doverti preoccupare dell’amministrazione, del magazzino, del marketing e delle licenze, potendo concentrarti solo sulla distribuzione. Ma non è facile.

 

Il sesto motivo è una presa di coscienza del fatto che, purtroppo, nei vent’anni di questa industria, non sempre i networker hanno lavorato in maniera limpida e professionale… e quelli che io chiamo i “mercenari” e i “modaioli” hanno contribuito a gettare fango su questa, altrimenti magnifica, attività.

I modaioli sono coloro che cercano “il Network giusto” e ogni anno cambiano azienda e settore alla ricerca del Piano Marketing migliore, alle condizioni di partenza miracolose, a quel prodotto o servizio che si vende da solo, dimenticando che queste condizioni perfette non esistono.
Il Network “giusto” è uno e uno soltanto: quello di cui ti innamori

Quello in cui trovi non le condizioni, ma le persone migliori che tu possa incontrare. Quello che ti rende orgoglioso/a di farne parte. 


La vera sfida è quella di parlare e coinvolgere i milioni di persone che ancora non conoscono questo modo di lavorare, e non quella di “travasare” collaboratori e contatti da un Network all’altro!
La vera sfida è insegnare questa professione, e non “rubare” persone ad altre reti… tanto sappiamo benissimo che chi se ne va per soldi, sempre per soldi nuovamente se ne andrà.
I mercenari e i modaioli… di sicuro hanno fatto dei bei “danni di immagine” all’attività di Network Marketing.

Il settimo e ultimo motivo: la visione che diventa delusione.
Le persone che per la prima volta si approcciano al mondo del Network hanno bisogno essenzialmente di 3 cose: di una Visione (un nuovo progetto, l’indipendenza economica, la libertà dagli orari… ovvero ottenere qualcosa di diverso, di migliore, di nuovo); una Strada (come faccio a trasformarmi da chi sono a chi voglio diventare? Come faccio ad acquisire quelle competenze e quelle abilità che mi permetteranno di fare il salto? Qui diventa chiara l’importanza dell’apprendimento di un metodo, e quindi di un percorso formativo: senza una strada le persone deragliano o, peggio ancora, se la inventano); una Guida (se abbiamo una visione e una strada, ma non abbiamo nessuno che ci accompagna, che ci indica le buche o la direzione di marcia, rischiamo di incappare in “incidenti di percorso” anche piuttosto dolorosi).
Questi tre elementi sono fondamentali, ed è fondamentale che siano presenti contemporaneamente, perché se la Visione che viene “venduta” dai networker rimane isolata, quasi sempre si trasforma in Illusione e l’illusione si trasforma sempre in Delusione.

Per evitare che ciò accada è indispensabile fornire al nuovo operatore, tutti e tre gli elementi.


Ho creato una Community su Facebook, il gruppo Networker Vincenti, e scrivo questi articoli sul Network Marketing con il desiderio che tra 5 anni ci siano in giro meno persone arrabbiate, deluse e accanite contro il Network e più professionisti in grado di affermare “Ho sposato una Visione, ho percorso una Strada e ho incontrato una Guida che mi ha indirizzato verso il progetto e l’obiettivo che mi ero prefissato quando cominciai.”